Live Content Creation

IL METODO A.I.S.R.R

Ti sarà capitato anche a te di dover comunicare un evento in tempo reale attraverso i canali Social. Attraverso questo articolo potrai strutturare il tuo racconto online. Durante un evento succedono un sacco di cose inaspettate, l’unica certezza risiede nella santissima scaletta, che però molto spesso può subire cambiamenti, più ci si avvicina al giorno dell’evento. Le persone che non sono potute venire al tuo evento non riusciranno mai a respirare il mood/atmosfera della giornata, se tu non sarai in grado di raccontare al meglio cosa sta succedendo. Qualche articolo fa ti suggerivo, sulla base delle mia esperienza professionale, di suddividere la comunicazione in fase di teasing, live e follow up. La fase di teasing ha come obiettivo quello di annunciare il giorno dell’evento ed incuriosire gli utenti a partecipare, la fase di live ha come obiettivo quello di raccontare al meglio l’evento, quindi di far vivere l’esperienza, mentre la fase di follow up ha come obiettivo quello di far ricordare cosa è successo durante l’evento.

Ok! Ora che ti ho spolverato la memoria strategica è tempo di analizzare, nel dettaglio, come raccontare una storia attraverso un linguaggio video.

Ti voglio insegnare lo stesso linguaggio che utilizzo per la realizzazione di contenuti per le mie Instagram Stories e per quelle dei miei clienti, ovviamente sentiti libero, una volta che hai fatto tua quest’arte, di remixarla come più ti piace.

PROCESSO CREATIVO/ OPERATIVO

Ogni volta che ho intenzione di raccontare una storia prima di tutto penso al canale dove andrò a pubblicarla, in questo modo posso prevedere le dimensioni del mio contenuto quindi se fare un video in 16:9 o 9:16 o 1:1 o 4:5, la durata del mio contenuto nel caso delle Instagram Stories haun limite di 15s, nel feed avrà un limite di 59s e sulla Instagram TV fino ad un massimo di 15m se caricato da dispositivo mobile e 60m se caricato dal web ( per info maggiori informati qui  

A monte, idealmente, dovresti non solo già sapere che storia vuoi raccontare ma anche come sarà strutturata. Ogni storia ha un inizio, uno svolgimento ed una fine e dovrà essere semplice per essere efficace.

Non hai idea di cosa raccontare? Non ci credo! Tutto ciò che ti succede nella vita può essere raccontato e se dici che non ti succede mai nulla puoi comunque raccontare questo nulla. Per immergersi in questo mondo, fatto di secondi e contenuti che si distruggono, è necessario iniziare a fare! Più fai e meno pensi meglio sarà! Non ti preoccupare, lo so e lo sai anche tu: all’inizio sarà una 💩. È sempre così, ogni volta che si inizia qualcosa di nuovo e ci si mette in gioco, il risultato finale non è mai come uno se lo aspetta.

Una volta che ti sei scritto in due righe la tua storia o te la sei stampata nella testa, non ti resta che suddividere la storia in Instagram Stories: Di quante Instagram Stories avrai bisogno per comunicare la tua storia con chiarezza ed efficacia?

Per rispettare la grammatica dei Social è importante che il tuo racconto attraverso le Instagram Stories non sia soltanto un video di un minuto tagliato in differenti Stories. Ehhhh no! Voglio che impari a realizzare un contenuto che sia in grado di vivere sul canale sfruttando tutte le feature che hai a disposizione. I social sono una piazza dove gli esseri umani amano trascorrere il tempo, guardare è ok ma interagire e far interagire è meglio.

FASE TEASING In questa fase dovrai richiamare l’attenzione dei tuoi utenti 

ANNUNCIA: Crea un contenuto che possa far capire chiaramente alla tua community cosa  succederà e quando 

TIPOLOGIA CONTENUTO: locandina/foto/video intervista
APPLICAZIONI CONSIGLIATE: BAZAART / UNFOLD / CLIPS

INCURIOSISCI: Crea contenuti che stuzzichino l’interesse della tua community per generare hype sull’evento/storia che andrai a raccontare

TIPOLOGIA CONTENUTO: 3D/ STOP MOTION/ VIDEO 
APPLICAZIONI CONSIGLIATE: BAZAART / STOP MOTION / MOMENTO/ UNFOLD / VCUS

SVELA: Questa è la dissolvenza tra la fase di teasing e quella di live. L’evento sta per iniziare racconta qualcosa in più senza però bruciarti i colpi di scena.

TIPOLOGIA CONTENUTO: FOTO / DOMANDE ALLA COMMUNITY/ VIDEO BREVE MONTATO
APPLICAZIONI CONSIGLIATE: INSHOT/ LUMAFUSION / ALIGHT MOTION / FEATURES DI INSTAGRAM STORIES 

*NUMERO INSTAGRAM STORIES FASE TEASING: 1/4 (dipende da quanto prima vuoi iniziare a comunicare e con che frequenza)

FASE LIVE In questa fase il racconto può essere serrato, diversifica la tipologia di contenuto per non annoiare la tua community 

RACCONTA: Crea contenuti che siano in grado di essere recepiti da target differenti che compongono la tua community

TIPOLOGIA CONTENUTO:  Dalle foto ai video montati, dai dettagli ai movimenti di camera, video interviste, prodotto in uso, video montati etc
APPLICAZIONI CONSIGLIATE: INSHOT/ PIXALOOP/ HYPERLAPSE/ MASCHERE DI INSTAGRAM STORIES / LUMAFUSION/ CINEMATIC

*NUMERO INSTAGRAM STORIES FASE LIVE: 5/8 (dipende da quanto vuoi raccontare)

FASE FOLLOWUP Questa è la fase finale dell’evento serve a mantenere l’attenzione degli utenti.

RICORDA: Crea un contenuto riassuntivo può essere un video come una gallery fotografica, ricorda di creare anche una versione differente di 15s da pubblicare sulle Instagram Stories per informare gli utenti che hai pubblicato in pagina un nuovo contenuto relativo all’evento passato

Dal tuo Gio Russo professionale è tutto!

Supporta il mio progetto! Basta un caffè ☕️

Se questi materiali ti sono stati utili, offrimi un caffè o più di uno! 🔥🚀👽🤟🏻

€1,00

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: